Comune di Catanzaro

L’OBIETTIVO MINIMO DEL 50% NEL PRIMO ANNO E’ AMPIAMENTE A PORTATA DI MANO

I primi dati confermano che la raccolta differenziata “porta a porta” nella zona 2 (Catanzaro nord) funziona, nonostante gli inevitabili disagi causati da un cambio radicale di abitudini. Nei primi dieci giorni, sono stati raccolti 91.430 chilogrammi di rifiuti, di cui 78.720 chilogrammi di frazioni differenziate, per una percentuale dell’86%, superiore ad ogni ottimistica previsione. E’ ancora presto per considerare il dato assestato, anche perché è ancora presente il fenomeno della “migrazione” dei rifiuti. In altre parole, ci sono ancora molti cittadini che invece di fare correttamente la differenziata, preferiscono caricare la spazzatura sulle proprie auto e conferire i sacchetti indifferenziati nelle zone della città dove ancora sono presenti i cassonetti. Questo fenomeno tenderà a scomparire man mano che il servizio si estenderà al resto del territorio, con la progressiva eliminazione di tutti i cassonetti.

L’ottima percentuale della zona 2, unita al dato confortante e assestato della zona 1 (Catanzaro centro), ha avuto un notevole impatto sulla percentuale totale della differenziata che è passata dal 10% di dicembre, al 14% di gennaio, al 21% di febbraio, sfiorando ora il 30%.

Essendo stato coinvolto nel nuovo servizio circa il 45% della popolazione, gli esperti valutano che l’obiettivo minimo che il Comune si era prefissato nel primo anno (il 50%) sarà abbondantemente superato una volta coperte tutte le zone.

Il dato più interessante, riferito al totale della produzione cittadina, riguarda la frazione organica: la media giornaliera di “organico” è passata da 4.851 chilogrammi di gennaio a 8.314 di febbraio e a 11.787 di marzo, praticamente triplicata.

Parallelamente, è fortemente diminuito il secco residuo (indifferenziata) che è passato da una media giornaliera di 102.435 chilogrammi di gennaio, a 95.006 a febbraio, a 84.985 chilogrammi a marzo.

In altre parole, 17.450 chilogrammi di rifiuti al giorno sono stati finora sottratti alla discarica.

“I dati assolutamente positivi raggiunti in queste settimane – ha commentato il sindaco Sergio Abramo – mi esortano a ringraziare i cittadini per l’impegno con cui stanno affrontando l’ambiziosa sfida di passare al nuovo sistema di raccolta dei rifiuti. Nonostante la bontà dei dati – ha proseguito – comprendo perfettamente che ancora esistono dei disagi e che il cittadino è stato chiamato a dare prova di una profonda serietà perché cambiare le proprie abitudini non è cosa semplice. Ma oggi possiamo dire che la partenza è stata fra le migliori che potessimo augurarci. Insisto affinché quei cittadini che ancora abbandonano i propri rifiuti sui bordi delle strade contribuendo a realizzare vere e proprie discariche, comprendano che il loro è un comportamento incivile che provoca danno alla città ma anche a se stessi”.